Comunicati Stampa - Associazione Nazionale LE VITTIME DEL DOVERE D'ITALIA

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Comunicati Stampa

Eventi > Intitolazioni > Finanza > Gino Nobili
Vejano ricorda l'eroe cittadino Gino Nobili

VEJANO – Sabato 13 ottobre, si è svolta la manifestazione per l’intitolazione della Stele alla Memoria al Finanziere e cittadino di Vejano Gino Nobili, eroe caduto nell’adempimento del dovere il 13 ottobre 1967 mentre svolgeva un servizio di vedetta sul ponte San Giorgio, in provincia di Varese, durante una delicata operazione di contrasto al contrabbando. Ad aprire la presentazione della suggestiva cerimonia il Presidente dell’Associazione Nazionale “Le Vittime del Dovere d’Italia” Cav. Andrea Fasanella, il Comandante della Guardia di Finanza Alfonso Amaturo, il Sindaco Caterino Donati ed il Vice Sindaco Tommaso Alelgrucci.

Presenti la famiglia del finanziere, le massime Autorità Civili, Militari e Religiose della Provincia di Viterbo, tra le quali il Generale di Corpo D’Armata dell’Aves di
Viterbo, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, le Autorità civili e militari di Vejano, i parenti di molte vittime del Dovere, alcune Associazioni locali. Accompagnati dal Picchetto d’Onore della Guardia di Finanza e dalle note dell’Associazione Filarmonica Vejanese, le Autorità ed i parenti del Finanziere Gino Nobili hanno inaugurato il monumento realizzato in onore dell’eroe che ha sacrificato la propria vita per rincorrere la legalità. Così il Sindaco Donati: “organizzare questa cerimonia non è stata una scelta ma un preciso dovere e sono orgoglioso ed onorato di essere qui a rappresentare il sentimento di tutta la popolazione verso il Finanziere Gino Nobili ed i suoi familiari che per 45 anni hanno atteso questo riconoscimento.


Credo che al di la del riconoscimento sia necessario un richiamo all’esempio che chi ha una concezione così alta del dovere tramanda agli altri: nella nostra comunità
esiste forte il senso del dovere come un DNA sociale; ce l’ha dimostrato Gino Nobili ma anche altri due nostri concittadini, Mariano Romiti e Domenico Romiti. L’esempio che questi personaggi ci hanno trasferito e trasmesso è sicuramente una sollecitazione verso il valore del senso del dovere”. Alla Cerimonia hanno partecipato anche gli alunni delle scuole locali, elementari e medie, i rispettivi docenti e il Dirigente scolastico. La partecipazione degli studenti è stata l’occasione per sensibilizzare i giovani al tema del dovere e della legalità: durante la manifestazione sono stati infatti premiati con una targa i migliori elaborati realizzati dagli studenti, uno per le classi primarie e l’altro per le secondarie di I grado.

Fonte: OnTuscia, il quotidiano della Tuscia
Una stele in memoria del finanziere Gino Nobili

Verrà scoperta domani mattina a Vejano a 45 anni dalla sua scomparsa


(12/10/2012) Sabato 13 ottobre, alle ore 11, a Vejano (VT) verrà scoperta una Stele alla memoria del Finanziere Gino Nobili - Vittima del Dovere e della Criminalità.
Alla cerimonia, organizzata dall’Associazione Nazionale – Le Vittime del Dovere d’Italia –, dall’Amministrazione comunale di Vejano e dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza, saranno presenti oltre alla famiglia del finanziere Nobili, le massime Autorità Civili, Militari e Religiose della Provincia di Viterbo ed i parenti di molte vittime del Dovere.
La suggestiva cerimonia, coincide con il 45mo anniversario della scomparsa del Militare, caduto nell’adempimento del dovere, mentre svolgeva un servizio di vedetta sul ponte San Giorgio, in provincia di Varese, durante una delicata operazione di contrasto al contrabbando.
Al fine di rendere più significativa la giornata di commemorazione è stato promosso un concorso di scrittura teso a premiare gli alunni delle scuole elementari e medie di Vejano per un componimento sul tema del “dovere”, i cui alunni ritenuti meritevoli saranno premiati con una targa consegnata a cura della Massima Autorità presente.

Fonte: Viterbo News 24
Cerimonia di intitolazione di una Stele alla memoria al Finanziere Gino Nobili

Vejano:  (12 Ottobre 2012) - Sabato 13 ottobre, alle ore 11, a Vejano (VT) verrà scoperta una Stele alla memoria del Finanziere Gino Nobili - Vittima del Dovere e della Criminalità.

Alla cerimonia, organizzata dall'Associazione Nazionale - Le Vittime del Dovere d'Italia -, dall'Amministrazione comunale di Vejano e dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza, saranno presenti oltre alla famiglia del finanziere Nobili, le massime Autorità Civili, Militari e Religiose della Provincia di Viterbo ed i parenti di molte vittime del Dovere.
La suggestiva cerimonia, coincide con il 45mo anniversario della scomparsa del Militare, caduto nell'adempimento del dovere, mentre svolgeva un servizio di vedetta sul ponte San Giorgio, in provincia di Varese, durante una delicata operazione di contrasto al contrabbando.
Al fine di rendere più significativa la giornata di commemorazione è stato promosso un concorso di scrittura teso a premiare gli alunni delle scuole elementari e medie di Vejano per un componimento sul tema del “dovere”, i cui alunni ritenuti meritevoli saranno premiati con una targa consegnata a cura della Massima Autorità presente.

Fonte: La Città
Vejano, stele alla memoria a Gino Nobili

VEJANO - (m) Il finanziere Gino Nobili, nato a Vejano (VT) l'8 giugno 1947, si arruolò giovanissimo nel Corpo della Guardia di Finanza. Al termine del Corso di formazione, nel 1966 venne assegnato alla Compagnia della Guardia di Finanza di Varese - Brigata di confine - Saltrio e successivamente, nel 1967, a Dumenza (VA) presso il Reparto posto al confine Italo/Svizzero, dove venne comandato nei servizi operativi per la lotta ai grandi traffici illeciti, in particolare, di valuta, tabacchi lavorati esteri e caffè.
Nella notte del 12 ottobre 1967, il giovanissimo finanziere, mentre svolgeva un servizio di vedetta sul  ponte San Giorgio durante una delicata operazione di contrasto al contrabbando, fu coinvolto in un tragico evento dove rimase rimase gravemente ferito. La mattina del 13 ottobre 1967 venne ritrovato all'alba dai suoi colleghi privo di vita nel letto del fiume. Nei giorni a seguire fu messa in atto un'attività investigativa con la quale furono presto identificati e denunciati i responsabili.
Il prossimo 13 ottobre, in occasione del 45mo anno dalla scomparsa, l'Associazione Nazionale "Le Vittime del Dovere d'Italia", il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Viterbo e l'Amministrazione comunale di Vejano ricorderanno ed onoreranno l'eroe e concittadino caduto nell'adempimento del dovere, innalzando una Stele alla Memoria nella Piazza principale della cittadina. Alla Cerimonia di intitolazione che si terrà a Piazza XX Settembre alle ore 11.00, interverranno: il Presidente dell'Associazione "Le Vittime del Dovere d'Italia", il Comandante Provinciale della Guardia di Viterbo, il Consiglio comunale e l'Associazione Filarmonica Vejanese che accompagnerà lo schieramento delle rappresentanze civili e militari invitate.

OnTuscia, il quotidiano della Tuscia
Stele alla memoria a Gino Nobili

Il finanziere Gino Nobili nato a Vejano l'8 giugno 1947, si arruolò giovanissimo nel corpo della guardia di finanza.
Al termine del corso di formazione, nel 1966 venne assegnato alla compagnia della guardia di finanza di Varese-Brigata di confine-Saltrio e successivamente, nel 1967, a Dumenza (Va) al reparto posto al confine Italo/Svizzero, dove venne comandato nei servizi operativi per la lotta ai grandi traffici illeciti, in particolare, di valuta, tabacchi lavorati esteri e caffè.
Nella notte del 12 ottobre 1967, il giovanissimo finanziere, mentre svolgeva un servizio di vedetta sul ponte San Giorgio durante una delicata operazione di contrasto al contrabbando, fu coinvolto in un tragico evento dove rimase gravemente ferito. La mattina del 13 ottobre 1967 venne ritrovato all'alba dai suoi colleghi privo di vita nel letto del fiume.
Nei giorni a seguire fu messa in atto un'attività investigativa con la quale furono presto identificati e denunciati i responsabili.
Il prossimo 13 ottobre, in occasione del 45esimo anno dalla scomparsa, l'associazione nazionale "Le vittime del dovere d'Italia", il comando provinciale della guardia di finanza di Viterbo e l'amministrazione comunale di Vejano ricorderanno ed onoreranno l'eroe e concittadino caduto nell'adempimento del dovere, innalzando una stele alla memoria nella piazza principale della cittadina.
Alla Cerimonia di intitolazione che si terrà a piazza XX Settembre alle 11, interverranno il presidente dell'associazione "Le vittime del dovere d'Italia", il comandante provinciale della guardia di Viterbo, il consiglio comunale e l'associazione filarmonica vejanese che accompagnerà lo schieramento delle rappresentanze civili e militari invitate.

ricevuto da Massimo Morganti per OnTuscia, il quotidiano della Tuscia
 
Torna ai contenuti | Torna al menu